Questo tour di tre giorni nell’area della caldera dell’Askja è stato realizzato per dare al viaggiatore la possibilità di assaporare la natura selvaggia di un Paese, i cui paesaggi vengono continuamente modellati e sottoposti alle potenti forze del ghiaccio e del fuoco, ed offrire l’opportunità di effettuare una della più belle escursioni su un ghiacciaio di tutta l’Islanda.

Il punto di partenza ufficiale del tour è il villaggio di Reykjahlid sulle rive del lago Myvatn. Dopo aver attraversato il desertico campo lavico di Odadahraun, verso mezzogiorno viene effettuata un pausa nell’oasi delle sorgenti di Herdubreidarlindir. La nostra prossima destinazione sono le grandi montagne di Dyngjufjöll con la magnifica caldera dell’Askja. Dopo una passeggiata di trenta minuti sui pendii dell’Askja si arriva nelle vicinanze dell’immenso lago Öskjuvatn, nei pressi del quale troviamo Viti, un lago più piccolo dalle acque turchesi. All’interno di questo cratere i viaggiatori hanno la possibilità unica di fare il bagno nelle acque geotermali in uno scenario spettacolare.

NUOVA DESTINAZIONE: IL CAMPO LAVICO HOLUHRAUN
Dopo aver visitato la caldera dell’Askja, il tour proseguirà verso il campo lavico Holuhraun. Quest’ultimo si è formato in seguito ad un’eruzione fissurale originatasi dal vulcano centrale Bárðarbunga. L'eruzione è iniziata il 31 agosto 2014 ed è terminata il 28 febbraio 2015. Questo evento rappresenta la più grande eruzione di lava in Islanda negli ultimi 200 anni arrivando a coprire un’area di ben 85 chilometri quadrati.

Kverkfjöll è una delle zone in cui vengono registrate le temperature più alte di tutte l’Islanda. Tutta l’area è infatti caratterizzata da sorgenti calde, grotte scolpite nel ghiaccio e cavità in continua evoluzione. Da aver lasciato l’area dell’Askja continuiamo il nostro viaggio attraverso un deserto brullo e arido e arriviamo la sera nella zona delle montagne di Kverkfjöll, dove passeremo le due notti successive, o dormendo all’interno del rifugio Sigurdarskali o in tenda nel campeggio antistante.

I monti di Kverkfjöll, che si trovano nel Parco Nazionale del Vatnajokull, offrono un paesaggio mozzafiato: una spettacolare interazione tra ghiaccio e fuoco, che può essere ammirata solo in pochi luoghi, con cavità e grotte scavate nel ghiacciaio dall’attività geotermale. Il secondo giorno è prevista un’escursione in compagnia dei ranger del Parco. Sono tante le escursioni che possono essere effettuate nei dintorni di Kverkfjöll. I ranger scelgono i percorsi più ottimali considerando le condizioni meteorologiche e lo stato del ghiacciaio. Si potrebbe pertanto visitare una lingua glaciale e, se le condizioni lo permettono, anche le grotte di ghiaccio che rappresentano un chiaro esempio della continua evoluzione del paesaggio in quest’area. In caso di buone condizioni climatiche è possibile raggiungere l'altitudine di 1850 m per ammirare la natura selvaggia dell’Islanda più interna. Questa escursione si colloca fra le prime tre migliori escursioni su un ghiacciaio da fare in Islanda ed una volta giunti a destinazione il concetto di Ghiaccio & Fuoco sarà facilmente comprensibile.

Il terzo giorno lasciamo le montagne di Kverkfjöll proseguendo in direzione di Myvatn e Akureyri. Mentre attraversiamo il deserto, visitiamo l’oasi di Hvannalindir dove i fuorilegge hanno lasciato segni della loro dura vita in passato. La tappa successiva sarà la fattoria di Modrudalur dove i viaggiatori possono visitare la caffetteria più remota d’Islanda. Da lì ritorneremo verso la strada principale in direzione Akureyri con l’intento di giungere a destinazione in tempo utile per permettere a chi dovesse di prendere i voli aerei serali per Reykjavik.

Portate con voi: vestiti che tengano caldo adatti a resistere alle intemperie, delle buone scarpe da trekking e un sacco a pelo. E’ necessario portare cibo a sufficienza per l’intera durata dei tre giorni. Il rifugio è fornito di acqua potabile e di una cucina.

Una lista dettagliata dell’equipaggiamento può essere scaricata qui.

Nota: il posto letto all’interno del rifugio è già riservato a tutti i nostri clienti. La sistemazione ha un prezzo di 8000 ISK per notte. E’ comunque possibile dormire anche in tenda nel campeggio antistante al rifugio. La sistemazione in campeggio ha un prezzo di 2000 ISK per notte. L'alloggio viene pagato in contanti sul posto. Si prega di notare che le escursioni possono durare fino a 8-9 ore e possono talvolta essere faticose.